SOGI SCUOLA

Ecco le riflessioni che ho portato al MIUR il 27 febbraio 2019 all’incontro con i fornitori SIDI

 

PATTO FORMATIVO

  1. Da una prima occhiata il modello del patto formativo presente sul SIDI sembra troppo rigido, non permette di attribuire più UDA alle competenze, inoltre l’ampliamento linguistico è generico e non permette di attribuire più ore (debito) sulle competenze. Si chiede di poter applicare l’ampliamento sulle singole competenze
  2. In un’ottica di dematerializzazione, il patto così com’è non va bene, sono 4 fogli e si richiede di firmare lo stesso da parte del docente e dell’allievo con Genitore di minore ben 2 volte in caso di rettifica del patto.
    Ora con la tavoletta grafometrica questo è impossibile; infatti la tecnologia del grafometrico permette che si firmi solo una volta il pdf, le ulteriori firme possono essere apposte solo con PADES da parte del Dirigente Scolastico, quindi si chiede che si tolga la firma della commissione, e se revisionato si deve rifare il patto con nuovo numero e no modificarlo (procedura impossibile tecnologicamente)

RILEVAZIONI

  1. I vari USR e USP chiedono alle scuole dati di rilevazioni. Perché non ci pensa il SIDI a dar loro quello che chiedano e si attivino eventuali flussi più completi per soddisfare le varie esigenze?

ISCIRZIONE SCUOLA SUPERIORE

  1. Quando gli studenti vanno a fare iscrizione in una scuola superiore, il CPIA non appare, quindi di fatto devono fare l’iscrizione cartacea aspettando che questa sia disponibile.
    Si rischia di trovare il posto esaurito.
    La richiesta è far inserire il CPIA come una scuola media a tutti gli effetti

LIVELLI LINGUISTICI

  1. In base al decreto sicurezza, per poter avere la cittadinanza lo studente extracomunitario dovrà poter accedere al livello B1, con questo decreto i CPIA saranno nell’impossibilità di poter aiutare nell’integrazione di questi studenti, Chiediamo che venga concesso l’idoneità per la certificazione B1 –B2
  2. Si chiede di legittimare il livello A0 o preA1 o livello base, non previsto nell'attuale ordinamento, ma previsto da quello europeo.

AMPLIAMENTO OFFERTA FORMATIVA

  1. In una prospettiva di formazione permanente degli adulti, il MIUR, attraverso il SIDI, chiede ai CPIA i flussi di alfabetizzazione e primo livello, dimenticando l’ampliamento offerta formativa. Si deve poter inviare questi dati che sono fondamentali e rispecchiano l’operato sul territorio del CPIA

ORGANICO PERSONALE

  1. Girano per i CPIA molte voci su tagli del personale per riduzione degli studenti o altro.

Premesso che il MIUR non ha la completa anagrafica della scuola in quanto non vengono inviati gli iscritti ai corsi di ampliamento, si chiede chiarezza su come si compone l’organico del CPIA

  1. Dare la possibilità di chiedere il codice meccanografico unico della sede principale per poter disporre di un organico unico dell'autonomia al pari di tutte le altre scuole della Repubblica.

CARCERI – DATI PERSONALI

  1. Molti carceri o cooperative - cas, non trasmettono i dati anagrafici degli studenti ai CPIA fomentando ideologie di riservatezza ingiustificabili.
    Si chiede che il MIUR faccia chiarezza

AULE- SCUOLE

  1. I CPIA sono OSPITI, e questo non è giusto ne dignitoso. Si chiede di provvedere.

ANAGRAFICA SIDI

  1. Spesso un alunno si sposta da un plesso all’altro, all’interno dello stesso CPIA, o frequenta Alfabetizzazione e Primo livello, o è iscritto in una scuola superiore ma presso il CPIA fa corsi di alfabetizzazione, Purtroppo il SIDI boccia questo flusso e pretende che l’alunno sia presente in un solo istituto, Chiediamo una revisione di questa funzione che mette in difficoltà i CPIA
Ultimo aggiornamento: 27/02/2019 12:37 - Articolo visualizzato 78 volte - Autore: